Prima Pagina
Album
Arabesque
Cassetto
Libreria
Links
Note a margine
Scrivici


Arabesques del Chichingiolo
I RICERCATI

Torna a pagina 15 Pagina precedente
16
Segue A pagina 17


ROSANNA BRIGANDI

Non posso crederci. Chissà perché ho scritto su Google il nome del mio primissimo amore. Io avevo 10 anni e lui 13. Si chiama Alberto Verri e vive in Canada. Sono partita senza riuscire a salutarlo. Quando lui l'ha scoperto ha chiesto il mio indirizzo alle mie amiche che non hanno voluto darglielo. Così ho vissuto questo distacco con il rimpianto di non averlo salutato.
Gli anni più belli della mia vita, ho scoperto, sono vissuti con la stessa nostalgia da tanti che come me hanno avuto la fortuna di vivere in quel paese così magico. Spero Alberto legga la mia email e mi risponda. Ho vissuto cinque anni a Massaua, dal 1950 al 1958, e abitavo in una di quelle due villette in mezzo al mare. Quando tornavo da scuola, cominciavo a togliermi i vestiti sul pontile per buttarmi in mare fino a che mia mamma mi chiamava perchè era pronto a tavola. So di essere stata molto, molto fortunata a vivere un'infanzia così intensamente felice, completamente libera e senza "no". Non avevo nulla da chiedere, avevo già tutto. Poi mi sono trasferita all'Asmara dove ho abitato fino al 1961. E' stato tutto così perfetto. Con la stessa intensità ho vissuto l'addio dall'Eritrea. Ho pianto per tutto il viaggio dall'Asmara a Massaua e poi ancora sulla nave. Un giorno ho scoperto di essere capace di ripercorrere virtualmente quei luoghi che ricordavo e ricordo ancora perfettamente.
E' come se fossi un po' tornata lì.
Rosanna
email: rosanna.brigandi@alice.it
(01/12/2007)

SILVIO PALLOTTI

Carissimo Chichingiolo,
ho scoperto solo oggi questo sito ed ho passato ore a visionare tutte le foto, gli articoli ed i racconti degli asmarini doc. Io mi chiamo Silvio Pallotti ed ho frequentato la I° Liceo nell'anno 1967/68, al seguito di mia madre (Coppola Angiolina Maria detta "Nella") che quell'anno aveva avuto la cattedra di lettere e storia all'Istituto Bottego. Purtroppo problemi famigliari mi hanno obbligato al rimpatrio troppo presto per poter conoscere meglio l'Eritrea; tuttavia il ricordo e la nostalgia del tempo passato ad Asmara è rimasto vivissimo in me. Continuerò a leggere le pagine del sito e invierò alcune foto che conservo gelosamente.
Un saluto affettuoso,
Silvio Pallotti - email: silman2003@libero.it
(02/12/2007)
---------------------------
Caro Chichi,
Ho letto il messaggio qui sopra e mi sono ricordata la Prof di Lettere che ci insegnò per un anno in quell'epoca là: piccolina, paffuta, erre moscia, profilo appuntito.
Avevo scritto un tema di fantasia (solo titoli di fantasia, per me, niente storici o letterari!) e ci facevo morire un bimbo che non si poteva curare perché la mamma non aveva il denaro per chiamare il medico. Storie così se ne trovavano a iosa nella letteratura dei ragazzi di cui io allora facevo larghissimo consumo. Ricordo che Checco/Franco Irtinni, in classe con me quell'anno, leggendolo ne era rimasto così afflitto da farsi venire gli occhi lucidi. La Prof invece no! Furiosa, mi disse che quelle cose non esistono, che chissà dove mai le avevo trovate, che erano roba da matti! E mi dette un 5.
Trovai quel 5 molto ingiusto, e mi veniva voglia di chiedere perché all'Edmondo fosse stato consentito di far piangere a dirotto un'intera generazione (e forse più) di lettori e a me non si concedeva nemmeno l'occhio lucido di Checco...
L'occhio la Prof lo aveva invece posato sul bell'Arminio Geiger. Oh, come le veniva bene dire Geiger con quella erre rotonda... i meravigliosi temi di Arminio, che lei lodava sperticatamente, e che lui sistematicamente copiava da vari temari facendola sempre franca…
Ora di Promessi Sposi. Noi dovevamo fare il riassunto scritto di ogni capitolo.
La Prof chiama Arminio interrogato.
Lui con gran nonchalance passa dal mio banco, ritira il mio quaderno e va in cattedra a leggere il riassunto del giorno.
La Prof, che lo sta guardando trasognata, gli dice: "Oh, Geiger, questo tuo stile inconfondibile... grazie, vai a posto, 8!"
Capito? A lui 8 con il MIO riassunto e lo stile melange di tutti i temari del mondo e a me 5 perché, forse, facendola commuovere, l'avevo costretta a rifarsi il trucco?
D.
(6/12/2007)
---------------------------
Cari amici,
ho letto con interesse gli ultimi due interventi e desidero rispondere a Rosanna Brigandi, a Silvio e a D. :

1) Allora cara Rosanna, anch'io ho vissuto a Massawa anni 48-54, e abitavo proprio davanti alle due villette, che ho visto costruire, in una abitava il Signor Barattolo e nell'altra il Prof. Brigandi! Tuo padre era il mio professore alle commerciali. Lo ricordo benissimo, non solo perché era il mio prof., ma perché la comunità era piccola e ci conoscevamo tutti, ricordo meno te, che sicuramente eri più piccola. Con il tuo post, mi hai fatto ricordare le tue stesse sensazioni... costume sotto il grembiule e pesca con la lenza sugli scogli sotto l'occhio vigile della mamma. Momenti di grande serenità e giorni felici.
Abbiamo vissuto in un angolo di mare meraviglioso, il mio terrazzo si affacciava su quel golfo artificiale. Abbiamo dormito sotto una volta blu-notte trapuntata di stelle brillanti, con nelle orecchie il rumore del mare e la visione dei remi dei pescatori notturni, che ritmicamente lasciavano una scia fosforescente. Indimenticabile.
Abbiamo avuto le nostre prime sensazioni "d'amore" fatte solo di sguardi e di bigliettini passati sotto banco... Ora da una foto, che mi hanno mandato, ho visto che quell'angolo vissuto intensamente è tornato al mare, ma certo non ha sepolto i nostri ricordi.

2) Caro Silvio e cara D., ricordo bene la Prof.sa Coppola Angiolina, era una graziosa Signora bruna, ma non ho avuto il piacere del suo insegnamento, perché lei insegnava alla sezione geometri mentre noi, nella sezione ragioneria, avevamo la Prof.sa Donati.
Allora, mentre la Prof.Donati era innamorata della Divina Commedia, tanto che lo eravamo poi tutti, la Prof.sa Coppola lo era dei Promessi Sposi... certamente amavamo anche il Manzoni, ma in modo più "leggero"... Ovvero ogni sezione approfondiva la materia d'italiano in modo diverso.
Il problema dov'era? Il problema, se così si può chiamare, erano gli esami di riparazione o quelli di Stato, perché nella commissione giudicante s'invertivano i Professori... e la paura dell'interrogazione prendeva sia la sezione geometri che ragionieri: Divina Commedia o Promessi Sposi?
Correva voce, sotto esami, che la Prof.sa Coppola avesse addirittura chiesto ad un esaminando di che colore fossero il calzini di Renzo quando portò i famosi polli..., ma questo episodio non fu mai appurato, forse era una leggenda "botteghiana"...
Comunque voi, figli di queste nostre care Insegnanti, che all'epoca erano più mamme che professoresse, siate orgogliosi per i tanti e piacevoli ricordi che suscitano a chi ha avuto l'onore di averle in cattedra.
Liana Silvi Antonini
(9/12/2007)


GIACOMO ZILLI

Cari amici, compagni di scuola, ecc.
Questa sera leggendo i v/s articoli ho avuto l'impressione di essere uscito di senno perché ho avuto un momento di disorientamento temporale: di non sapere dove mi trovavo; mi sembrava di essere ancora a scuola con Storelli G., con Vascon A.; di trovarmi al Circolo Universitario per qualche pomeriggio danzante e di vedermi passare davanti, sempre con la sua attività frenetica, il Presidente di tutti i tempi il Rag. Rosario Cinnirella.
Che nostalgia dello "zighinì"!!!
Vi abbraccio tutti affettuosamente.
Giacomo Zilli
la mia e-mail è: zillig@alice.it
(13/12/2007)

AL CHICHINGIOLO

Gentile Chichingiolo,
Le invio in allegato un articolo che ho letto sul settimanale Donna del Corriere della Sera (cliccate qui per vedere l'articolo): è un appello di aiuto da parte di Don Angelo Regazzo, salesiano di Asmara per un ragazzo eritreo affetto da un gran problema neurologico. Le chiedo gentilemento se può pubblicare l'articolo affinché questo nostro ragazzo possa ricevere aiuto da nostri concittadini sparsi nel mondo.
Grato della sua collaborazione Le invio i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.
Barbui Roberto
(24/12/2007)

LJUDMIL TZVETKOV

Carissimi Fondatori del Sito,
mi chiamo Ljudmil Tzvetkov ed abito a Sofia, Bulgaria. Complimenti per quanto avete fatto e raccolto.
Sono nato nel 1959 a Roma, Italia e ho vissuto nel Ethiopia per ben 7 anni e ho studiato al COMBONI dal 1969 a 1971. Sarò felicissimo se qualcuno potrebbe ricordarsi di me e magari mettermi in contatto anche con i fratelli Massimo e Roberto Cordioli che studiavano a quei tempi al La Salle e quasi in quel periodo sono rientrati con la famiglia in Italia, a Roma dove suppongo vivono ancor oggi. Mi ricordo che giocavamo con loro ed è soltanto dai giochi che sono riuscito ad imparare l'italiano.
Il mio indirizzo e-mail è: ljudmil.tzvetkov@gmail.com
Gentilissimi saluti,
Ljudmil Tzvetkov
(4/2/2008)

MARCELLO MARCHI

Ho aperto queste pagine, sollecitato dal Prof. Marcello Melani del MAI TACLI'. Mi ha detto cerca sul Chichingiolo è facile trovare persone che sono state in Eritrea dal 1950 al 1962. Scrivo quindi sperando di trovare dopo tanti anni qualche vecchio compagno del Collegio La Salle o del Vittorio Bottego dove ho frequentato la 1a geom. Dopo 43 anni (nel 2005) sono tornato ad Asmara, ho potuto rivedere la mia vita come in un film !! ci sono ritornato ad ottobre del 2007. Ho organizzato un altro viaggio per settembre e voglio portare amici. Sto lavorando per la scuola di Padre Protasio di Massaua. Spero di sentire nuovamente qualche vecchia conoscenza; un abbraccio a tutti, Marcello.
email: marcellomarchi@yahoo.it
(11/4/2008)

MIRIAM TREVISAN

Riceviamo da Miriam questo messaggio e queste due foto:
"Ho fotografato questa bellissima villa (o quello che ne rimane) la settimana scorsa tornando da Cheren verso Asmara. C'è qualcuno che la riconosce?"

Scriveteci a: ilchichingiolo@ilchichingiolo.it e aiutateci a risolvere l'indovinello. Grazie.
il C.
(05/5/2008)
------------------
Caro Chichi,
la villa della foto in questione è ciò che resta della residenza della famiglia Acquisto e si trova appena fuori da Elaberet, sul lato sinistro della strada, andando verso Asmara.
Un caro saluto,
Anna Maria De Nadai
(07/05/2008)

PATRIZIA FOLENA

Che piacere trovare le locandine degli spettacoli di nonno Mario!
Grazie,
Patrizia Folena (nipote di Mario Folena)
(06/5/2008)

MESFUN ZERAI

Carissimo Chichingiolo,
Cercando da Google, mi sono trovato nel suo Sito, (scusatemi per il mio italiano, è da trent'anni che non scrivo). E nel suo Sito ho trovato una fotografia dove mi trovo anch'io, - IV b Geometri del 1971 (vedi qui sopra). Non ho voluto credere che cosa stavo vedendo. Ho pensato che sia un miracolo. Piano piano ho potuto realizzare quello che vedevo. Sì, ero io nella foto con miei ex-compagni di scuola, amici e Prof. Morelli. La mia gioia era immensa. Con miei pensieri son tornato nei Tempi della mia (Nostra) gioventù. Ero cosi emozionato. Caro Chichingiolo per questo vorrei ringraziarti molto.
Ho cercato di ricordarmi alcuni nomi. Mi sono ricordati tanti, e per questo desidero di diminuire i punti INTERROGATIVI dei nomi che mancano nella fotografia. Di cognomi mi sono ricordato solamente tre, gli altri sono nomi. Scusatemi se ho sbagliato scrivendo i nomi.
Spero che qualcuno si ricorda di più, e che i punti INTERROGATIVI scompaiano per sempre.
[Quei punti interrogativi sono in effetti scomparsi perché Mesfun è riuscito, grazie anche all'aiuto di altri compagni di classe, a completare la didascalia della foto che vedete qui sopra. il C.]

Mi chiamo Mesfun Zerai, vivo in Germania da ventott'anni. La terza Media l'ho fatta a La Salle, nel 1967. Infatti una fotografia della terza media dello stesso anno scolastico dell'altra classe si trova nel suo Sito. Siccome erano due classi di terza media, la seconda non è nel suo sito.
Il mio Diploma di Geometra l'ho ottenuto nel 1971.
Mi piacerebbe di aver contatto con tutti asmarini ex-compagni di scuola e amici. Sicuramente tutti abbiamo da raccontare tanto. Aspetto alle vostre e-mails con ansietà. Sarei contento di qualunque e-mail. Nello stesso tempo posso anche esercitarmi l'italiano.

Chi lo sa, può darsi che alcuni Massauini conoscono mio padre "Zerai" in Massaua.

Il nome Franco Caparrotti l'ho visto spesso nella suo sito, spero sia Franco Caparrotti della mia classe. Caparrotti SEI TU ????

Tanti saluti da Koeln - Germania
Mesfun Zerai - email: zerai@gmx.de

(13/05/2008)
---------------
Caro Mesfun,
Benvenuto e grazie della tua mail nonché del prezioso aiuto che ci hai dato nel completare la didascalia della foto di classe del Bottego. Caparrotti è proprio il tuo "vecchio" compagno di Istituto, ora Cavaliere (... senza cavallo). Ci auguriamo che anche altri si aggiungano alla lista di coloro che ti scriveranno.
Un saluto dal Chichingiolo.


BRUNO DALMASSO

Carissimo Chichingiolo,
Con immenso piacere ti comunico che al "nostro" Bruno Andrea DALMASSO è stata conferita l'Onorificenza di:

Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Onorificenza meritatissima e che ci rende orgogliosi. Bruno, dopo moltissimi anni di lavoro in Eritrea (ne conosciamo i particolari e i risvolti), ha continuato la sua avventura Africana in Libia. Anche qui si è sempre contraddistinto per la sua dedizione al lavoro, nell'aiutare i bisognosi e in ultimo, quello di sistemare con un lavoro ineguagliabile da certosino il Cimitero Italiano di Tripoli, un cimitero monumentale, disastrato e molte volte profanato dopo l'espulsione degli italiani nel 1970. Oggi il cimitero, anzi il CIMITERO (lasciatemelo scrivere in maiuscolo) è tornato ad essere quello di una volta, luogo di culto e di rispetto. Come ha detto il nostro Ambasciatore: "Grazie ai fondi stanziati dalla Presidenza del Consiglio ma soprattutto grazie a Bruno Andrea Dalmasso che con un lavoro meticoloso e impareggiabile addirittura senza uguali, ha fatto sì che i nostri cari abbiano di nuovo un nome e che riposino in santa pace."
Franco Caparrotti
(01/06/2008)
-----------
Al "nostro" Bruno vanno le nostre più vive felicitazioni: e con questo Cavalierato quanti sono i "senza-cavallo Asmarini" di cui andare chichingiolescamente fieri?
il C.

KIROS MENGESTU KIFLAY

Ciao a tutti gli asmarini da Kiros Mengestu Kiflay, classe 1954. Ero alle scuole Vittorio Bottego dal 1970 fino 1974/5. Molti "Botteghini" mi dovrebbero conoscere perché a quell'epoca ero un giocatore di calcio. Ho avuto altri compagni di calcio molto più bravi di me che ora vorrei rintracciare. Cerco Angiolino che faceva il portiere della ns. squadra, bravissimo, di padre si chiamava Fessahaie... sin da allora non ho avuto più notizie.
Comunque qualunque "Botteghino" volesse contattarmi, questa è la mia e-mail: kirosmengestu@yahoo.co.uk
Ci sono molti altri che vorrei contattare...
Ciao a tutti
Kiros

(28/07/2008)

RICEVIAMO DA...

Milano, 30 Luglio 2008

Caro Chichingiolo,
La mia frequente attività di volontariato a favore di persone di una certa età che hanno bisogno di assistenza specifica mi ha portato a conoscere, presso l'Ospedale di Abbiategrasso, cittadina nelle vicinanze di Milano, un centro specializzato nella cura del piede diabetico. Vi accompagno diverse persone anziane e, mentre attendo che gli operatori agiscano sulle stesse, vedo arrivare gente da tutta Italia ed anche dall'estero. Recentemente, mentre aspettavo, ho notato su una sedia a rotelle un distinto signore di colore, alto, forte, capelli cortissimi bianchi, con una gamba vistosamente fasciata.
A me pare di avere un particolare feeling che mi fa "sentire" se uno è Eritreo. Ho resistito dieci minuti, poi sono andato verso di lui e la sua accompagnatrice, ed ho fatto la mia solita richiesta:
Scusi, di che nazionalità è?
La risposta è stata: Eritreo.
La mia risposta, scontata: Anch'io.
Il signor Semere Habetsion non parla l'italiano pur essendo del 1952. Mi ha spiegato che è nato in una zona rurale e poi ha frequentato scuole in cui si studiava l'inglese. Per questo non parla l'italiano ma era felice di aver incontrato un Asmarino.
Tutto questo sarebbe comunque privo di significato se la persona in questione non fosse un personaggio. La sua accompagnatrice mi ha infatti spiegato che egli fa parte del Comitato Intergovernativo per i mutamenti climatici dell'Onu (Ipcc) che nel 2007 ha vinto, ex aequo, il premio Nobel per gli studi sui cambiamenti climatici nel mondo. Ci sono tante cose di cui noi Asmarini del Chichingiolo e del MaiTaclì andiamo giustamente fieri e, secondo me, c'è da esserne altrettanto per i successi che i nostri compaesani eritrei e nostri coetanei hanno nel mondo.
Patrizio Donati


ARTURO LOMBARDO

Ciao Chichingiolo,
sono Arturo Lombardo, sono un asmarino, avendo vissuto in Eritrea dal 1936 al 1974. Ho praticato tanto sport: boxe, corse in moto e in
macchina, e ne ho vinto anche alcune di esse. Nella boxe mi sono tanto divertito, ho incontrato: Romano, Fragale, Petrarca, Ziantona, l'iglese Luk, Exsis, Di Nardo, Tarner, insomma, 47 incontri senza sconfitte.
Un caro saluto a tutti gli asmarini ed un forte abbraccio.
Arturo - email: arturo.lombardo@fastwebnet.it
(12/08/2008)


GIANNA TONELLI KIRSTEIN, SAVERIO E RITA

A tutti gli Asmarini un caro saluto da Berlino. Grazie al Chichingiolo.
Gianna Tonelli Kirstein, Saverio e Rita.
email: Gianna47@web.de


GUIDO VIGANO'

Che emozione scoprire questo sito, in pochi attimi ricordi bellissimi rivivono nella mia mente periodi che vanno da ottobre 1993 quando arrivai con il mio piccolo veliero nel porto di Massawa fino a quando me ne andai nel 96, e poi ancora per girare un piccolo documentario per il ministero del turismo e la televione Svizzera nel 98. Un bacio speciale va alla famiglia Biasiolo alle magnifiche tre sorelle Bettina, Nadia e Monica (a Barcellona??), Rita e chissà che fine hanno fatto tutti i miei amici ad Asmara e Massawa, Claudio e Caterina Zanchi, Angelo Petrignani e Michele Ido, Taddeo il pittore in sedia a rotelle, Maurizio Borniano e tanti, tanti altri... Giuseppe Carella con sua moglie, la famiglia Ghirmai, Elsa e Semar di fotoasmarina, Piermario e Tsedal, Vittorio Silvestri e Giuseppe Vaccaro.
Magnifica Eritrea rimarrai sempre nel mio cuore. Vi invio 2 foto significative di me e la mia famiglia e di un pastorello nella strada da Asmara verso Keren che mi ricorda tanto il Buon Pastore... di anime.

Guido Viganò - email: givi1412@gmail.com
(26/09/2008)


GIANNI FIORETTI

Bravi complimenti per il sito.
Mi chiamo Fioretti Gianni ho vissuto ad Asmara fino al 1974. Chi si dovesse ricordare di me il mio indirizzo mail è: basket58@libero.it
Ciao a tutti gli asmarini sono felice di avervi ritrovato.
(08/11/2008)


RITROVATEMI!

Così per caso si parlava di vecchi compagni e ho avuto il nome Chichingiolo. Sono Franco di Siena: chi volesse mettersi in contatto questa è la mia e-mail: franco45@vodamail.co.za
Ciao.
(19/12/2008)
-----------
Il 20/12/08 ho ricevuto un e-mail da un caro amico in Canadà, grazie all'inserto che ho mandato il giorno prima al Chichingiolo. Ne sono tanto contento anche io. Naturalmente come tanti ricerco i miei amici/che, in particolare Luciana Araja, Lella di Domenico e tanti altri... ma qui la memoria si annebbia. Ero in Asmara fino al 1968. Sono Franco di Siena. Ringrazio tutti. Inoltre faccio parte del comitato Ex coloniali a Johannesburg, Sudafrica. Potrei essere utile a qualcuno...
(21/12/2008)


Torna a pagina 15 Pagina precedente
16
Segue A pagina 17